13 pensieri su “La principessa sposa

  1. Avatar
    Costanza Quintavalla dice:

    Ho trovato i commenti non proprio sporadici dell’autore fastidiosissimi. Non penso che una persona, soprattutto un appassionato del libro originale scritto da Morgenstern, nella riscrittura debba inserire le tappe che ha vissuto quando leggeva per la prima volta il libro, poichè tutto questo potrebbe portare a inevitabili spoiler. Non dico che io non accetti pensieri sul libro oppure tagli di alcune parti della vita dei personaggi, che magari potevano sembrare, nel libro originale, troppo lunghe e dispersive e non voglio essere fraintesa, perchè a me è piaciuta tantissimo la storia, avvincente e piena di momenti di ansia e suspense, dove non ti aspettavi mai cosa sarebbe successo più tardi. Dico solo che alcune volte i commenti non erano appropriati e rischiavano di anticipare gli eventi.

  2. Avatar
    Vera Di Nocera dice:

    E’ una storia basata sul vero amore, l’amore di Westley, il garzone che per Buttercup s’imbatte in ogni pericolo immaginabile, dalla ciurma del pirata Robert, allo spadaccino più bravo del mondo, al gigante più forte, fino al Conte. Tutto questo nella speranza di raggiungere la sua amata Buttercup. Il personaggio che mi ha colpito di più è lo spadaccino che si impegna così tanto e costantemente nel realizzare il suo sogno di diventare il più bravo spadaccino al mondo. Questo libro lo consiglio a chi ama le avventure spinte dalla “forza” dell’amore, e se non vi catturerà dai primi capitoli lo farà sicuramente dopo.

  3. Avatar
    Giulia Fiore dice:

    Ho trovato questo libro veramente molto originale e ben fatto. La storia è avvincente, non è assolutamente banale e riesce a tenere sospeso il lettore nonostante il genere sia un fantasy e non un thriller o un giallo. Mi è piaciuto il fatto che ogni aspetto della storia principale fosse approfondito da altre piccole storie che raccontavano le origini di alcuni personaggi e ne approfondivano gli aspetti caratteriali. La storia in sè è abbastanza semplice, le parole usate non sono affatto complicate, anzi penso che l’autore sia riuscito a raccontare i fatti con una straordinaria chiarezza e facilità di comprensione, che a parer mio rende questo libro adatto a lettori di qualsiasi età.

  4. Avatar
    silvia asshauer dice:

    È un romanzo di Morgestern riscritto da William Goldman, per il quale
    questo libro ha avuto molto significato ed è stato il più bello che abbia
    letto. Quando era più piccolo suo padre gli aveva letto questo romanzo, e
    finalmente Goldman aveva cominciato ad amare la lettura. Così poi decise
    di fare la stessa cosa con suo figlio e al suo decimo compleanno glielo
    regalò. Però, quando rilesse il libro, scopri che era veramente noioso e
    lungo, perché a quanto pare suo padre gli aveva letto solo le parti più
    belle. Fatto sta che decise di togliere le parte noiose e fare una riscrittura
    del libro.
    È una storia avventurosa, quella della Principessa Sposa, una storia in cui
    si rischia la vita per amore e vendetta, la donna più bella del mondo viene
    rapita dal trio più divertente, ma la situazione si fa più misteriosa con
    l’arrivo di un pirata di cui non si sa l’identità, c’è un principe malvagio che
    vuole sposare la bella, un garzone innamorato, un amore quasi
    impossibile e altri personaggi. La storia è piena di colpi di scena e
    suspense e anche dei pensieri di Goldman, che la rendono ancora più
    emozionante. Questo romanzo, però, è diverso dagli altri: non è come
    tutte le storie fantastiche dove c’è un lieto fine, non dico che va a finire
    male, lo vedrete da soli, ma questo romanzo ci fa capire che la vita non è
    giusta e tante volte le persone che meno se lo meritano muoiono. Non ci
    dà la certezza che per sempre ci sarà felicità e sarà sempre tutto
    bellissimo, c’è suspense alla fine e la fine può essere interpretata in tanti
    modi, ci lascia con un’altra avventura e potremmo anche dedurre come
    va a finire, ma non si saprà mai, perché questo romanzo, come la vita, è
    una sorpresa e non saremo mai certi di come andrà a finire, bisogna solo
    andare avanti e aspettare dalla vita ciò che ci riserva. Non sono una
    grande amante della lettura ma è stato davvero divertente ed
    emozionante leggere il libro e la storia mi ha preso molto. Sì certo, alcune
    sorprese ti lasceranno stupefatta e non crederai a ciò che leggi, perché
    siamo abituati alla classica storia che sotto sotto sappiamo come andrà a
    finire. Beh, in questo caso non sarà come ci immaginiamo, non lo
    sapremo nemmeno mai del tutto, ma davvero lo consiglio, perché

    durante questa lettura emergeranno emozioni come paura, divertimento
    e soprattutto la speranza, che sarà sempre con noi e con i protagonisti del racconto.

  5. Avatar
    viola chiaramonti dice:

    Ho letto questo libro perché amo il genere fantasy, anche se in alcuni punti ho durato un po’ di fatica a fare scorrere la lettura. Sono molte le parti descrittive che rendono forse un po’ noiosa la lettura, al contrario delle parti di narrazione fantastica che risultano scorrevoli e avvincenti, costringendo il lettore a rimanere incollato alle pagine e arrivare alla fine delle movimentate storie che vedono protagonisti principesse, garzoni, duelli e lotte. Molto originale l’inizio, ovvero la ricerca da parte dell’autore del romanzo che lo aveva appassionato da piccolo e la decisione di riscriverlo nelle parti che lo avevano più appassionato. Un bel libro che consiglierei a chi come me ama sognare.

  6. Avatar
    alexei bittini dice:

    il libro è bellissimo come l’altro anche qua si vede cere parti dove parlano non solo il protagonista ma anche gli altri personaggi della storia come i banditi e il principe.
    un’altra cosa da notare è l’introduzione che è molto bella perche racconta in un certo senso la storia del libro e dell autore e di ciò che la portato a scrivere il libro

  7. Avatar
    alexei bittini dice:

    il libro è molto bello soprattutto per come è stato scritto , cioè che è stato preso da un altro libro , come spiega l’introduzione , e dell’altro libro hanno preso le parti migliori.
    mi piace anche lo stile narrativo , molto fluido e piacevole da leggere con i personaggi molto simpatici , ad alcuni senti proprio che ti ci affezioni conoscendo le loro storie personali e i loro retroscena come lo spadaccino che a me come personaggio è piaciuto parecchio insieme al gigante che ama fare le rime ai quali succedono le cose più bizzarre .
    mi è piaciuto molto anche l’inizio quando è l’autore del libro che racconta di come gli è venuta l’idea , cioè che una volta gli raccontava il libro suo padre (quello intero) ma il padre toglieva le parti noiose , allora da grande dopo aver riguardato il libro decise che voleva farne un’altro ma con le parti che raccontava suo padre .
    il libro è molto bello curato nei minimi dettagli se dovessi consigliarlo lo farei senza pensarci due volte

  8. Avatar
    Denise Mihai dice:

    ‘La principessa sposa’ è un libro la cui storia, abbastanza fantasiosa, porta in primo piano l’amore tra un garzone e la sua padrona, circondati da innumerevoli divergenze. La storia è resa altrettanto simpatica dalla presenza dei tre ladruncoli: il bambinone forzuto, l’agile spadaccino e il furbo stratega, anche se il suo avvelenamento è stato un vero e proprio tocco di classe! Il libro ha una trama molto movimentata e con molti colpi di scena, anche se avrei preferito maggiori ostacoli in serbo al garzone per salvare la principessa e un altrettanto approfondimento della loro fuga.

  9. Avatar
    Lali Pieri dice:

    Il romanzo sembra una fiaba sul “vero amore”, ostacolato da diversi personaggi e disavventure.
    L’autore la racconta, immaginando di riscrivere una storia che gli venne letta dal padre quando aveva dieci anni e aveva la polmonite. Tutto questo avviene per suo figlio, al quale regala il libro in dono per il decimo compleanno. L’autore ci racconta in che modo “adatta” il testo di tal Morgerstern (che in realtà non esiste).
    Si tratta quindi di un libro nel libro. La storia non tratta solo dell’amore, ma è anche piena di ironia, lealtà, amicizia, tradimento, paura, cattiveria e per questo è molto coinvolgente.
    Diversamente dalle storie a lieto fine, accade sempre qualcosa di imprevedibile, perché il messaggio dell’autore è che la vita non è mai ‘rose e fiori’.
    Soprattutto il romanzo vuol far capire che la vita non è giusta: “che lo sia lo diciamo ai nostri figli, ed è una cosa terribile: non solo è una bugia, ma una bugia crudele. La vita non è giusta, non lo è mai stata e non lo sarà mai (…) è appena un filino più decente della morte, tutto qui.”
    Consiglierei questo libro a ragazzi che amano libri di avventura e storie medievali.
    Il mio voto è otto.

  10. Avatar
    Sofia Costanzo dice:

    Abbiamo tutti un libro che associamo alla nostra infanzia e che ci porteremo dentro per sempre. Cosa succederebbe se questo libro, ormai interiorizzato dentro di noi, si rivelasse completamente diverso da come lo ricordiamo? Questo è esattamente ciò che succede all’alter ego di William Goldman (l’autore) che “parla” nel libro e che decide dunque di riscrivere la storia dall’inizio, utilizzando soltanto le parti migliori. Un romanzo coinvolgente, ironico ed intenso, che vi farà riscoprire la bellezza delle favole nonostante tratti, anche se implicitamente, di argomenti importanti. Un esempio di questi è la dichiarazione che nella vita non si può sempre vincere, perché (cito testualmente) “𝑙𝑎 𝑣𝑖𝑡𝑎 𝑛𝑜𝑛 𝑒̀ 𝑔𝑖𝑢𝑠𝑡𝑎 𝑒 𝑠𝑝𝑒𝑠𝑠𝑜 𝑚𝑢𝑜𝑖𝑜𝑛𝑜 𝑙𝑒 𝑝𝑒𝑟𝑠𝑜𝑛𝑒 𝑠𝑏𝑎𝑔𝑙𝑖𝑎𝑡𝑒”. Vi appassionerete, come del resto ho fatto io, a Buttercup, la dolce principessa, e a Westley, innamorato così tanto della sua bella da affrontare mille pericoli per lei, a Inigo, un (quasi) imbattibile spadaccino, e a Fezzik, gigante gentile ma un po’ sciocco. E capirete che in fondo, se si ha la giusta motivazione, c’è sempre un modo di farcela, anche quando sembra che la vita ci stia remando contro.

  11. Avatar
    Thomas Marchi dice:

    Questo libro mi è piaciuto molto, ma ho preferito Ladies Football Club e a Sud dell’Alameda. L’ho trovato comunque veramente intrigante, emozionante e in grado di suscitare nel lettore un’esplosione di fantasia. La storia narrata presenta una trama avvincente e coinvolgente soprattutto nei momenti di suspense e nei duelli; inoltre, sono rimasto particolarmente colpito dalla forza d’animo dei personaggi principali nel compiere le loro gesta. Infine, gli intrighi tra i personaggi sono stati eccezionali e stupefacenti. Nel complesso non sono rimasto estasiato dai protagonisti come Westley, troppo impostato, e Buttercup, a volte troppo irritante e dotata di grandissimo coraggio, ma a colpirmi di più è stato lo stile della prosa: ironico, sarcastico e con un’ironia punzecchiante. Oltre ad essere un libro ironico e coinvolgente secondo me aiuta anche a prendere coscienza del mondo intorno a noi.

Lascia un commento